Miglior rasoio usa e getta del 2019

Miglior rasoio usa e getta

Un rasoio usa e getta serve soltanto a una cosa: radere completamente la barba, ma anche i peli del corpo. Ma quale acquistare?

In commercio ci sono davvero tantissimi modelli, e trovare quello migliore può essere (molto) complicato.

Fortunatamente, in questo articolo abbiamo classificato i migliori rasoi usa e getta; abbiamo trattato diversi modelli ma, soprattutto, diverse fasce di prezzo: in questo modo siamo sicuri che ognuno di voi riuscirà a trovare il miglior rasoio usa e getta per le proprie esigenze.

P.S. Se ci tenete all’ambiente, vi consigliamo di convertirvi al miglior rasoio di sicurezza.

Quali sono i migliori rasoi usa e getta del 2019?

Il miglior rasoio usa e getta in assoluto

Il miglior rasoio usa e getta qualità/prezzo

Il rasoio usa e getta più popolare

IN OFFERTA

Il rasoio usa e getta più economico

rasoio usa getta guida acquisto

Guida all’acquisto del rasoio usa e getta

Tipi di rasoi usa e getta

I rasoi usa e getta sono un must-use per la loro facilità d’utilizzo, la portabilità e il loro essere comodamente intercambiabili; un mix perfettamente bilanciato fra convenienza e funzionalità, senza dimenticare le tante sotto-categorie immesse sul mercato allo scopo di adattarsi ad ogni tipologia di consumatore.

Se dovessimo operare una prima distinzione per la definizione dei rasoi usa e getta, potremmo ben dire che in commercio siano presenti due principali tipologie: la prima riguardante gli articoli che vanno cambiati non appena le lame si saranno usurate – o peggio ancora – arrugginite, e la seconda inerente a quelli a cui sarà sufficiente modificare la testina senza gettare via la scocca esterna.

Sicuramente vi sarà capitato di notare che il primo tipo di rasoio usa e getta è nettamente più economico, nonché spesso venduto in bustine contenenti circa una decina di articoli con le medesime caratteristiche. Il motivo è presto spiegato: esso ha una capacità di taglio – e di conseguenza anche una durata di utilizzo – nettamente inferiore rispetto ai modelli più avanzati.

I secondi sono, di contro, leggermente più costosi ma spesso presentano una maggiore durata di utilizzo e un’affilatura più precisa e performante, che si adatta magistralmente alla zona cutanea su cui devono essere passati. Qualora si fosse alla ricerca di una spesa contenuta per ammortizzare il budget dei propri rasoi, inoltre, è anche vero che sono non poche le difficoltà e le variabili da tenere a mente fra le due sotto-categorie: se da un lato infatti i rasoi usa e getta devono essere cambiati con frequenza, lo stesso vale per le testine dei rasoi più performanti, appartenenti alla seconda categoria.

Insomma, il risparmio nel tempo non è semplice da definire, sicché il nostro consiglio è di valutare attentamente la qualità del prodotto che si sta acquistando, tenendo sempre a mente il suo utilizzo.

Come scegliere un rasoio usa e getta?

Trattandosi di un articolo che viene utilizzato principalmente per curare la barba, è importante saper scegliere il modello di che maggiormente si adatti alle proprie necessità cutanee. In primo luogo, un buon rasoio usa e getta deve essere capace di radere in modo efficace, senza per questo ledere l’integrità della pelle con un’affilatura troppo aggressiva. Il rischio di sviluppare tagli o irritazioni è sempre dietro l’angolo; per questo è necessario servirsi di uno strumento altamente funzionale e di tutta la cura del caso, evitando mosse brusche o poco precise.

Un secondo elemento da tenere in considerazione al momento dell’acquisto riguarda il manico in plastica dotato di una presa ergonomica e di facile impugnatura; da non sottovalutare, inoltre, nemmeno le testine, solitamente vendute assieme alla confezione stessa.

Se siete alla ricerca di un top di gamma, il nostro consiglio è di valutare attentamente quei prodotti dotati di apposito cappuccio copri-lama, particolarmente utile sia per evitare tagli accidentali, sia per far si che si possa portare nel bagaglio a mano. Tutti i migliori brand di riferimento del settore, infatti, hanno aggiunto questa semplice – ma importante – accortezza, che ha già convinto milioni di consumatori in tutto il mondo.

I modelli per uomo più diffusi, infine, sono i seguenti: a corpo unico e con testina usa e getta. Nel primo caso, il prodotto presenta manico e testina uniti in un solo blocco, nel secondo le lamette sono interscambiabili allo scopo di evitare la sostituzione continua della scocca esterna del manico. Di conseguenza, se siete alla ricerca di un articolo duraturo e di ottima manifattura, il nostro consiglio è di optare per il secondo, in quanto dotato di materiali più performanti e ricercati, nonché di un buon rapporto qualità-prezzo.

Insomma, indipendentemente dalla scelta finale, un consumatore dovrebbe tenere a mente i seguenti requisiti: numero di lamette, conformazione del manico, testina oscillante per una rasatura di precisione e infine il budget di riferimento, comprendente il costo dei ricambi.

Rasoio usa e getta o rasoio elettrico?

Le differenze sono davvero tante, pertanto se non sapete quale scegliere tra i due prodotti vi consigliamo di leggere il nostro approfondimento di confronto.

Consigli per usare il rasoio usa e getta al meglio

Alcune semplici accortezze possono arricchire e semplificare l’esperienza di rasatura; prima di passare la lama, infatti, la barba va ammorbidita con una buona dose di schiuma da stendere sia con il pennello – per ottenere risultati migliori – sia con le mani. Nel primo caso, infatti, avrete a disposizione uno strumento in grado di sollevare i peli della barba, eliminare le cellule morte della cute e consentire alla lama una presa più salda sulla pelle.

Il nostro consiglio è di massaggiare con cura il viso prendendovi tutto il tempo necessario per evitare che la cute – troppo secca – causi irritazioni. Qualora dovessero ugualmente presentarsi degli sfoghi rossastri, è bene provvedere a una sostituzione immediata del rasoio in uso.

Un trucco che vi consigliamo di provare riguarda l’utilizzo di un panno caldo sul viso, che va passato per qualche minuto al fine di ammorbidire i peli e favorire l’apertura dei pori.

Ma arriviamo all’uso del rasoio: è importante prestare attenzione a non esercitare troppa pressione, così da evitare abrasioni o irritazioni; inoltre, lo strumento di rasatura dovrà muoversi nella medesima direzione di crescita della barba, in modo da non provocare tagli o crescita di peli incarniti.

Ricordate: la tecnica del contropelo non è bandita a 360 gradi! Attenzione però alla delicatezza della vostra passata, in quanto – sebbene la rasatura risulterà più netta – maggiori saranno i rischi di commettere errori.

Terminata la rasatura, potete sciacquare il viso con abbondante acqua fredda allo scopo di velocizzare la chiusura dei pori. A questo punto, applicate un dopobarba a base alcolica per rinvigorire e disinfettare la cute appena rasata; qualora la vostra pelle sia particolarmente delicata, inoltre, è bene adoperare un balsamo, la cui azione protettiva è utile anche contro il freddo stagionale.