Irritazioni barba da rasoio: come trattarle correttamente

irritazioni da rasoio, prevenzione e cura

Le donne non potranno mai capirlo, ma passare un rasoio sulla pelle del viso non è una passeggiata. Per quanto gli uomini siano allenati o strutturati geneticamente per avere guance e mento più ruvidi e resistenti, lo stress quotidiano di una o più lame che sfiorano la pelle, o peggio il passaggio di testine rotanti e pulsanti che la percorrono in lungo e in largo possono provocare irritazioni.

Quel che il nostro occhio non vede è che anche il tocco più leggero, il passaggio più delicato di una lama porta via con sé microscopici strati di pelle esponendo le cellule nuove che stanno sotto agli agenti esterni senza più protezione.

Non sempre queste cellule riescono a fortificarsi per tempo e quindi soffrono e si infiammano.

LEGGI ANCHE: Come radersi la barba

I soggetti allergici vivono questa situazione in maniera drammatica, ma anche le persone che non hanno apparentemente problemi possono sviluppare disagi dovuti alla rasatura. E nonostante ciò non si possa evitare, a meno che non decidano di farsi crescere barba.

Dunque, premesso che la rasatura faccia parte anche del modo di essere di un uomo, bisogna che non diventi un momento di fastidio fisico quotidiano.

Come evitare le irritazioni da rasoio, come curarle, sono argomenti da affrontare. Vi accompagno alla scoperta di trucchi e metodi per mantenere la vostra pelle sempre sana e fresca.

Come prevenire le irritazioni da rasoio

Per evitare le irritazioni da rasoio l’arma migliore è quella di prevenirle, ovvero di evitare che nascano. Questo si ottiene con una grande attenzione all’igiene ma anche con l’accuratezza nella preparazione pre-rasatura e nel post-rasatura. Se seguirete queste indicazioni la vostra pelle potrebbe non sviluppare mai quel genere di irritazioni da rasatura.

prevenire irritazione da rasatura lavando il viso

Prima della rasatura lavate abbondantemente il viso, lasciando che l’acqua calda scorra a lungo sulla pelle, oppure fate impacchi con panni umidi e caldi per creare quel vapore che ammorbidisce la cute. Asciugate tamponando con dolcezza, senza mai strofinare. Poi preparate il viso massaggiandolo con un olio o una crema idratante.

Fatto ciò spalmate il sapone, la schiuma o il gel da barba e iniziate a usare il rasoio andando esclusivamente nella direzione del pelo, con tocco delicato e passando almeno due volte su ogni punto.

Evitate se potete la rasatura contropelo, che non è necessaria se non per rendere il viso ancora più liscio, dunque non è affatto un obbligo ma solo una scelta estetica. Se usate di norma un rasoio elettrico, quindi senza l’utilizzo della schiuma da barba, abbiate cura di massaggiare il viso solo con l’olio prima, fino al suo completo assorbimento.

Leggi anche: Miglior rasoio elettrico

prevenire irritazione da lametta con la schiuma

Dopo la rasatura sciacquate il viso con acqua ben fredda. Dopo averlo tamponato spalmatevi sopra creme cicatrizzanti, come allume di rocca, e una volta assorbite anche queste un dopobarba senza alcool.

Iscriviti alla Newsletter

Per ricevere via email coupon esclusivi e offerte limitate sui migliori prodotti per la cura del corpo maschile. Niente spam, provare per credere!

Come curarle correttamente

Se tutti questi accorgimenti non funzionano, o se non li avete applicati in modo corretto, la pelle del viso si irriterà ugualmente e cominceranno pruriti, bruciori, arrossamenti, irritazione da rasatura e fastidi che possono durare anche per giorni.

A quel punto dovete assolutamente curare il problema seguendo questi accorgimenti:

  • Non radetevi per un po’: è il primo accorgimento da prendere, e pazienza se sembrerete trasandati per qualche giorno. La pelle irritata non va stressata più del dovuto e quindi dovrete assolutamente appendere il rasoio al chiodo per un po’;
  • Igiene e abiti adeguati: lavate la faccia ogni giorno senza sapone, ma con acqua tiepida all’inizio e fredda sul finale del lavaggio. Asciugatela poi con un panno pulito, tamponando e mai strofinando. Evitate colletti chiusi, sciarpe di lana, maglioni a collo alto e altri indumenti che possano stuzzicare la pelle di collo e viso;
risolvere irritazioni da rasatura tamponando viso
  • Pomate e creme: se volete un risultato immediato, parlate con il vostro dermatologo e informatevi insieme a lui su quali creme o pomate usare per calmare il bruciore (acido glicolico, acido salicilico, idrocortisone oppure gel all’aloe);
  • Rimedi naturali contro le irritazioni: il metodo naturale migliore è il gel di aloe vera. Se avete in casa questa piantina grassa dalle foglie lunghe e polpose, staccatene un rametto, aprite in due la foglia e grattate con un coltello il gel che produce automaticamente da sola. Potete spalmarlo così com’è direttamente sulla parte infiammata. Altrettanto efficaci sono gli astringenti naturali come aceto di mele, tè nero freddo, amamelide oppure olio di melaleuca (due o tre gocce sciolte in acqua) da spalmare sul viso irritato con l’ovatta o con una pezza pulita.

Se l’infiammazione è aggravata da azioni batteriche che si sono insinuate nelle piccole ferite o tra le cellule della pelle stressata dopo la rasatura, un rimedio efficace potrebbe essere il miele: prendetene un cucchiaio bello pieno, spalmatelo con le mani su tutto il viso, massaggiando continuamente, quindi lasciate “agire” per dieci o quindici minuti a seconda delle esigenze.

risolvere irritazioni da rasoio con impacchi di miele

Rimuovete poi il miele con una pezza pulita bagnata in acqua tiepida, sciacquate ancora con le mani direttamente nell’acqua tiepida. Infine, un ennesimo risciacquo in acqua fredda e poi asciugate tamponando leggermente.

Se siete soggetti allergici e ricadete spesso nel problema delle irritazioni da rasoio, l’unico consiglio che voglio darvi è quello di consultare il medico, dermatologo e anche allergologo, perché in quel caso avrete bisogno di una guida esperta per scegliere i prodotti adatti alla cura della vostra pelle.

Evitate di inventare cure o di prenderle in prestito da amici o fratelli e affidatevi a uno specialista.

Torna su

Iscriviti alla Newsletter

* indicates required