Come radersi la barba: guida dalla A alla Z

come farsi la barba

Il fatto che la maggior parte degli uomini si rada la barba, non significa che sappia farlo nel modo più appropriato. Dietro ad un apparente semplice taglio netto dei peli infatti, vi sono alcuni accorgimenti e passaggi fondamentali. Questi vi aiuteranno ad ottenere un risultato ottimale senza compromettere la salute della pelle del viso.

Inoltre, è possibile utilizzare diversi strumenti, che seppur pensati per il medesimo scopo, garantiscono esiti molto diversi. In questa guida quindi, vedremo le tre principali tecniche per capire come farsi la barba perfettamente, sin dal primo taglio.

INDICE DEI CONTENUTI


Quali strumenti utilizzare per la rasatura?

con quali strumenti fare la barba

Il primo passo da compiere per farsi bene la barba è quello di preparare a dovere la pelle del viso e la peluria che dovrà essere eliminata. Partire in quinta, spalmando della semplice schiuma da barba, non vi farà ottenere i risultati desiderati. Come prima cosa, dovrete selezionare lo strumento di rasatura più adatto alla vostra pelle. Ecco di seguito i 2 strumenti che preferiamo per la rasatura casalinga:

  • Rasoio di sicurezza: consente di ottenere esiti davvero sorprendenti, migliori della lametta, evitando irritazioni e tagli sulla pelle del viso
  • Rasoio elettrico: comodo, veloce ed efficace, la sua azione si presta perfettamente anche per le pelli più sensibili

Dopo aver scelto la soluzione più adatta alle vostre esigenze, dovrete assicurarvi di mantenere le lame del vostro rasoio pulite ed affilate. L’efficacia della rasatura infatti, dipende in gran parte dalla qualità con cui vi prendete cura del vostro dispositivo. Da qui, il mio consiglio è quello di radervi utilizzando l’acqua fredda, poiché quella calda porterà le lame ad espandersi. Il problema di questo inconveniente è che l’azione del taglio diventerà meno incisiva.

Come preparare il viso in 5 step

Adesso che avete a disposizione le informazioni di base, possiamo passare alla parte pratica. In questo paragrafo infatti, verrà illustrato il percorso da seguire per rasare la barba in modo ottimale; anche se potrebbe sembrarvi una metodica piuttosto lunga, si tratta di dedicare appena 15 minuti alla cura del vostro viso.

Accorciare la barba

come radersi la barba lunga

Il primo passaggio necessario per ottenere una rasatura perfetta è quello di eliminare il grosso della peluria. Questo discorso vale, come potrete immaginare, solamente in caso di barba eccessivamente lunga. In questo caso quindi, dovrete disporre di un regolabarba che vi consentirà, appunto, di regolare la barba.

In alternativa, qualora sapeste maneggiarle, potete anche utilizzare le forbici. Questo passaggio, per quanto possa sembrare evitabile, è in realtà molto importante: applicare la schiuma da barba ed iniziare a radere la pelle con il rasoio, renderà il processo piuttosto doloroso ed inefficace.

Esfoliare la pelle

Questo passaggio è altamente sottovalutato dalla maggior parte degli uomini. Qui però, non stiamo parlando di bellezza estetica della pelle, bensì di un’azione che favorirà una rasatura completa ed omogenea. Anche in questo caso, il tempo da dedicare a questo trattamento è davvero minimo.

Applicando una noce di gel esfoliante sulle dita, non dovrete fare altro che iniziare a massaggiare la pelle del viso. Questo vi consentirà di pulire a fondo la pelle, eliminando le cellule morte in superficie. Da qui, le possibilità di sviluppare irritazioni o infezioni cutanee si riducono nettamente. Al termine del massaggio esfoliante sciacquate la pelle del viso con sapone ed acqua calda, per poi tamponarvi con un asciugamano.

L’olio da barba

applicare l'olio prima di rasare la barba

L’olio da barba è un prodotto estremamente importante per il benessere della pelle del viso. I suoi principi attivi infatti agiscono in profondità, lasciandola morbida e levigata in superficie. Inoltre, consente al rasoio di lavorare su una zona lubrificata, permettendo una rasatura più confortevole (se non sapete quale acquistare, leggete il nostro approfondimento).

Le modalità con cui deve essere applicato sono molto semplici e veloci, simili a quelle dell’esfoliante. Spalmate qualche goccia d’olio sul palmo delle mani ed applicatelo su tutta la barba, massaggiandolo per qualche secondo.

La stimolazione tramite il calore

ammorbidire prima di farsi la barba

Questo passaggio, seppur molto importante, viene praticato raramente durante la rasatura della barba in casa. Infatti, la sua pratica viene primariamente svolta dai barbieri. Tuttavia, se desiderate ottenere un risultato impeccabile, vi consiglio vivamente di prendervi il tempo necessario.

In questo caso non sarà necessario disporre di nessun prodotto, ma solamente di un asciugamano imbevuto di acqua calda. Successivamente, applicatelo sulla barba per qualche minuto, di modo che questa possa ammorbidirsi. Inoltre, l’azione del calore consentirà il sollevamento dei peli e l’apertura dei pori, per offrirti un terreno fertile alla rasatura.

Schiuma, gel o crema?

Nonostante si dia per scontato l’utilizzo della schiuma, è possibile utilizzare anche altri prodotti come i gel o il sapone da barba (consigliamo uno di questi). Infatti, l’importante è che la loro composizione sia naturale.

Sul versante del sapone, il mio consiglio è quello di prediligerli naturali, lasciando da parte quelli a base di glicerina o gel. Questi ultimi infatti, tendono a seccare molto la pelle, portandola ad irritarsi facilmente. Più genericamente, la schiuma da barba rimane un ottimo prodotto per la fase di rasatura.

Come radersi la barba: i tre modi più efficaci

come radersi la barba

Dopo aver visto i passaggi necessari per prepararsi al meglio alla rasatura, adesso vediamo i tre strumenti più utilizzati per il taglio. Come abbiamo anticipato, ognuno di questi si presta maggiormente ad un certo tipo di peli e di pelle. Per questo motivo, la scelta del corretto dispositivo incide in modo importante sul risultato finale.

Per quanto riguarda il rasoio di sicurezza, è molto importante procedere con movimenti leggeri e delicati, senza focalizzarsi sempre sullo stesso punto (per evitare irritazioni). Per quanto riguarda la direzione, conviene sempre seguire inizialmente il senso di crescita dei peli, per poi procedere perpendicolarmente e, solo se si vuole una rasatura a filo-pelle, contropelo.

EXTRA: Evitare di sbattere il rasoio sul bordo del lavandino per pulirlo.

come farsi la barba con il rasoio elettrico

Per quanto riguarda il rasoio elettrico invece, il discorso è completamente diverso. Per utilizzarlo infatti, non sarà necessario applicare nessun gel, crema o schiuma da barba. Questo perché le sue funzionalità gli permettono di agire direttamente sulla pelle del viso, senza provocare nessuna ferita. Ciò che è importante, è che la barba non sia eccessivamente lunga. In questo caso sarà opportuno accorciarla, prima di procedere con il rasoio elettrico.

Cosa fare post-rasatura

Dopo aver ottenuto un viso liscio e levigato, è importante concludere in modo altrettanto professionale il lavoro svolto. In questo modo sigillerai alla perfezione il risultato ottenuto, e preparerai la pelle alla prossima rasatura. Qui di seguito trovi i tre passaggi finali (ancora più immediati di quelli visti sin ora).

La chiusura dei pori

sciacquare la faccia dopo la rasatura

Se durante il processo di rasatura è importante aprire i pori, nella fase finale è fondamentale richiuderli. In questo modo infatti, eviterai alle micro-particelle di penetrare i tessuti cutanei, garantendo alla tua pelle di rimanere pulita ed in salute.

Per farlo ti sarà sufficiente sciacquarti il viso con dell’acqua fredda, poiché svolge un’azione astringente. Inoltre, la temperatura bassa dell’acqua agisce anche sui tagli e le ferite del rasoio, qualora ve ne foste procurati qualcuno.

Dopo esserti sciacquato, non dovrai fare altro che tamponarti con un asciugamano.

Il dopobarba

Come suggerisce il termine stesso, dopo la rasatura è importante applicare un dopobarba. Anche in questo caso la scelta del prodotto deve essere mirata alla salute della vostra pelle. Per questo motivo, vi consiglio nuovamente di prediligere prodotti dalla composizione naturale.

Inoltre, è bene evitare l’applicazione di un dopobarba con alcol, in quanto potrebbe rischiare di provocarvi dolori e fastidi. Qualsiasi ingrediente di origine vegetale darà nutrimento ed idratazione alla pelle, una fase che non deve essere assolutamente sottovalutata.

La cura degli strumenti

pulire strumenti di rasatura

L’ultimo passaggio da non dimenticare riguarda la pulizia degli strumenti adoperati per rasarsi. Dopo averli utilizzati infatti, è importante sciacquarli ed asciugarli, oltre che conservarli in un luogo asciutto. Questo vi consentirà di mantenerli nel lungo termine, oltre che garantire un elevato livello di igiene.

La corretta pulizia manterrà i batteri e le infezioni lontani dalle lame del rasoio, evitando di intaccare i vostri pori. Infine, dovrete prestare attenzione allo stato delle lame. Se queste non sono ben affilate rischieranno di irritare la pelle del viso, oltre che provocare delle possibili bruciature. Di conseguenza, è importante cambiarle quando usurate.

Ulteriori consigli

Per concludere questa guida, ho pensato di riportarvi qualche ulteriore suggerimento per avere una conoscenza totale sull’argomento. Infatti, vi sono alcune credenze circa la rasatura che potrebbero essere corrette, così come invece potrebbero impattare negativamente sull’intero processo.

Per esempio, quando fare la barba, prima o dopo la doccia? Il momento incide sulla qualità della rasatura? In realtà, secondo alcuni studi, la cosa importante è farsi la barba al mattino. I muscoli del viso infatti, dopo le ore di sonno, sono maggiormente rilassati e più propensi ad essere trattati.

Ad ogni modo, anche radere la barba sotto la doccia porta qualche vantaggio. Il vapore dell’acqua calda consente un’apertura maggiore dei pori, ed il getto continuo d’acqua allevia i possibili tagli provocati dalle lame. Per poterlo fare però, è fondamentale avere a disposizione uno specchio dentro la doccia.

Se però la doccia non fa al caso vostro, potete optare per un’altra soluzione. Per preparare a dovere la pelle del viso, potete riempire una pentola di acqua calda, e mettervici sopra con il volto. Anche in questo caso, il calore agirà sull’apertura dei pori, evitando bruciature e tagli.

Un altro ottimo accorgimento per evitare possibili tagli sulla pelle riguarda la corretta inclinazione del rasoio. Le ferite infatti, si verificano quando la lama viene tenuta con un’angolatura troppo elevata contro la pelle. Diciamo che, l’ideale, sarebbe tenere il rasoio a 30°. Per essere sicuri di stare agendo nel modo corretto, la percezione delle lame sul viso deve essere davvero minima, quasi impercettibile. Per quanto riguarda le passate del rasoio, queste dovranno essere dritte, ma delicate e non troppo veloci.