Come funziona e come si usa l’epilatore a luce pulsata

Come funziona come si usa l’epilatore a luce pulsata

Siete stanche dei fastidiosi peli in eccesso che ricoprono diverse parti del vostro corpo? Un impaccio antiestetico la cui eliminazione si traduce in una perdita in termini di spesa e di tempo. Volete dire basta a lunghe sessioni depilatorie dolorose che irritano la pelle e spesso incarnano il pelo o lo induriscono accelerando la ricrescita?

In questo articolo vi spieghiamo come funziona e come si usa l’epilatore a luce pulsata, il vostro rimedio contro la crescita del pelo, per avere una pelle sempre morbida e delicata, liscia come quella di un bambino. Un metodo sempre più popolare tra l’universo femminile ma anche in quello maschile. E finalmente potrete dire addio a tutti quegli strumenti a lama o a strappo che vi perseguitano e vi rovinano la pelle e la vita.

Come funziona l’epilatore a luce pulsata

La vostra soluzione all’eliminazione semi-definitiva della peluria inutile è racchiusa in un apparecchio elettronico, la luce pulsata chiamata anche IPL, dall’acronimo inglese Intense Pulsed Light. Uno strumento che rimuove il pelo partendo dal follicolo. E’ formato da una lampada che emette un impulso luminoso che genera calore, il quale viene sfruttato per diversi trattamenti. Non solo quindi per bruciare il bulbo pilifero, ma viene utilizzata anche per attenuare macchie della pelle e discromie o per il fotoringiovanimento.

come funziona epilatore a luce pulsata

Per quanto riguarda l’epilazione dei peli, questo avviene perché l’energia prodotta va ad attaccare la melanina dei peli, distruggendo le molecole che ne permettono la crescita. In questo modo il bulbo pilifero viene sensibilmente colpito fino allo sfinimento. Il risultato è una riduzione progressiva e definitiva della peluria superflua, che può arrivare fino all’80% alla fine di un ciclo completo di trattamenti.

Bisogna precisare che il risultato non è matematico per tutti. La tipologia di pelle è il fattore differenziante. Infatti, dal momento che viene attaccata la melanina contenuta nei peli, quando è abbondante, come nel caso di pelli più scure, la luce pulsata può causare delle vere e proprie scottature. Ma anche l’eccesso opposto, quindi quando le pelli sono molto chiare o rosse possono insorgere problemi, perché l’impulso luminoso potrebbe non agire in maniera efficace proprio per la scarsa quantità di melanina che contengono.

usare epilatore a luce pulsata in base alla pelle

Risulta però perfetta per chi ha una pelle chiara e peli castani o scuri: questo contrasto è linfa vitale per l’impulso, che riesce a colpire ottimamente il bulbo danneggiandolo a dovere.

Vi consigliamo quindi di studiare la vostra pelle prima di procedere all’uso. I moderni apparecchi hanno istruzioni precise e dettagliate sulle varie tipologie di pelle e tutte le indicazioni necessarie per il trattamento corretto, per procedere nella giusta maniera per ogni caso specifico.

Come si usa l’epilatore a luce pulsata

Ma veniamo all’utilizzo vero e proprio dell’epilatore a luce pulsata. Vi illustriamo come prepararvi e come utilizzare correttamente l’apparecchio, ma anche gli errori da evitare per non cadere in spiacevoli effetti collaterali.

Prima di iniziare il trattamento

Di seguito vi elenchiamo le poche operazioni da eseguire prima di procedere all’utilizzo del vostro epilatore a luce pulsata.

Radere la zona da trattare: i peli devono essere rasati, possibilmente con la lametta (non con la ceretta), e non devono superare 1 mm di lunghezza. Questo perchè, se sono più lunghi, l’impulso luminoso andrà a bruciarli nella parte esterna, senza invece agire sul bulbo pilifero.

Pulire e asciugare la pelle: una volta che avete passato il rasoio pulite bene la pelle e accertatevi che sia perfettamente asciutta prima di cominciare ad usare l’apparecchio.

Usate una matita coprente: bianca o color pelle può andare bene, oppure alcuni epilatori a luce pulsata sono dotati di appositi adesivi bianchi, e applicateli sui nei, soprattutto se sono grossi, ma anche su eventuali macchie, discromie o voglie. Evitate accuratamente di passare l’epilatore sulle zone dell’epidermide che presentano vesciche, ferite o altre formazioni cutanee.

Verificate con un test: fate una piccola prova su un braccio per vedere se la vostra pelle tollera la luce pulsata. Molti epilatori in commercio hanno un’impostazione per regolare l’intensità degli impulsi, per poterla abbassare se provate fastidio. I più recenti, inoltre, sono in grado di riconoscere la tonalità della pelle per impostare automaticamente il livello di impulso che meglio si adatta alla vostra tipologia.

Extra: non sono necessari occhialini.

Procedimento

Ed ora siete pronti a vedere concretamente come si usa l’epilatore a luce pulsata. Vi elenchiamo i passaggi da seguire.

Se il modello dell’apparecchio è cordless verificate che il livello di batteria sia sufficiente per la seduta; se invece è alimentato con un cavo, trovate la posizione più comoda per muovervi in libertà.

impostare livello epilatore a luce pulsata

Impostate il livello di energia: trovate quello più adatto alla tipologia della vostra pelle, seguendo le istruzioni. Consultate con attenzione la tabella che vi riporterà tutte le indicazioni dettagliate più adatte a seconda della vostra carnagione. Generalmente i livelli vanno dall’uno al cinque.

Scegliete il flash da erogare: a seconda della zona da epilare esistono in genere due modalità di flash di emissione dell’impulso. Uno è continuo, o multiplo, quando cioè gli impulsi sono emanati a intervalli regolari e continuamente; è indicato quando si vogliono trattare in maniera più rapida le aree più vaste del corpo come le gambe o le cosce. Il flash è invece singolo quando ogni volta che si preme il pulsante viene emesso un impulso. Questo è utile per trattare le zone più piccole che richiedono maggiore precisione, come le ascelle, l’inguine o i baffetti.

Posizionate l’apparecchio in maniera corretta: la lampada deve stare perfettamente a contatto con la pelle nell’area da trattare, altrimenti non funziona. Poi scorrete dolcemente lungo tutta l’epidermide senza saltare nessuna porzione di pelle.

utilizzare epilatore a luce pulsata a contatto con la pelle

Rispettate il calendario: è fondamentale per ottenere i risultati voluti seguire le tempistiche; il manuale vi indica precisamente i tempi da seguire. Di solito il consiglio è di fare un trattamento ogni due settimane dalle 5 alle 8 volte; dopo si passa alla fase di mantenimento, che prevede solo una trattamento al mese, fino a quando non vi ritenete soddisfatti.

Risultati e consigli

I primi risultati si ottengono dopo circa 3 o 4 sedute, ma è una stima, perché in realtà è molto soggettivo. La raccomandazione principale è di non effettuare i trattamenti a piacimento: è importante seguire le istruzioni d’uso del prodotto. Non aumentate le sedute, ad esempio, pensando di accelerare i risultati, può essere controproducente e pericoloso.

E’ inoltre vietato usare l’epilatore dopo che la pelle è stata esposta al sole; lasciate passare qualche giorno e, comunque, non deve mai essere arrossata o irritata.

Infine, non ripassate più volte l’apparecchio sulla stessa zona perché rischiate di irritare, scottare o danneggiare l’epidermide inutilmente.