Barba corta: come tagliarla e curarla

barba corta come curarla

La barba corta è uno degli stili più apprezzati del momento, sia dagli uomini che dalle donne. Grazie a questo taglio di barba infatti, le linee del viso appaiono più marcate, offrendo maggior definizione. Ciò che ne risulta è un’immagine più virile, e allo stesso tempo sexy.

I vantaggi che si ottengono infatti, sono molteplici, e all’interno di questa guida potrete scoprirli uno ad uno. Tuttavia, saper tenere la barba di una lunghezza corta non è banale come potrebbe sembrare. Ogni taglio infatti, necessita di alcuni accorgimenti che vi consentiranno di operare nel migliore dei modi. Per capire come curare la barba corta, ti sarà sufficiente seguire i consigli riportati in questo articolo.

Perché la barba corta?

Prima di addentrarci nei dettagli per ottenere un risultato impeccabile, è importante conoscere il ruolo della barba corta. Questo taglio infatti si presta perfettamente in alcune circostanze. Innanzitutto, la barba corta risulta la soluzione perfetta per coloro che hanno una barba a chiazze. Molte volte infatti, la barba cresce maggiormente in alcune zone del viso, a discapito di altre. Mantenerla corta quindi diminuirà questo effetto puzzle, poco apprezzato e piacevole.

barba corta per nascondere le imperfezioni

In seconda analisi, la barba corta nasconde le imperfezioni del viso, e più precisamente della pelle. Che si tratti di piccole cicatrici, pigmentazione o acne, la barba corta è un’ottima soluzione. Infine, questo taglio dona maggior virilità anche ai più giovani; molto spesso, nell’età dello sviluppo, la barba cresce in modo poco uniforme.

Il desiderio di averla sul viso però, va al di là di ogni cosa. Sapendo come accorciare la barba e mantenerla corta quindi, è possibile ridurre il liscio completo, che dona un’immagine poco mascolina. Come dicevo, i motivi per cui avvicinarsi a questo stile possono essere molteplici. Non è detto che il vostro sia stato qui elencato, ma siamo qui per capire come rendere la barba corta perfetta.

Ottenere la barba corta in 3 semplici mosse

Dopo aver visto i vantaggi di questa tipologia di taglio, possiamo passare alla parte pratica. Nei paragrafi successivi infatti, vi interfaccerete con le tecniche, gli strumenti e le modalità migliori per ottenere un risultato ottimale. Anche se la barba è corta, necessita di cura e dedizione affinché non provochi disagi quali forfora o prurito.

STEP 1 – La fase di crescita

Il primo passo da compiere per poter lavorare la barba è quello di farla crescere. Questo però non significa aspettare 1 o 3 giorni, bensì almeno 3. In alcuni casi, laddove la ricrescita del pelo è lenta, potrebbero essere necessarie anche 2 o 3 settimane.

Ad ogni modo, questa fase è importante per avere un feedback sulla mancata rasatura. Dopo qualche giorno di crescita infatti, avrete una minima idea di quello che potrebbe essere la barba corta sul vostro viso. In questo breve periodo quindi, potrete iniziare a lavorare con l’immaginazione, pensando a come modellarla o decidendo di farla crescere ancora un po’.

La lunghezza ideale per poter iniziare a curare la barba è di circa 1 cm, tuttavia qualche millimetro in meno non provocherà alcun tipo di impedimento. Dopo questa prima fase, siete già pronti per passare a quella di regolazione.

STEP 2 – L’importanza dello strumento giusto

Per ottenere una barba corta curata, è fondamentale disporre di apparecchi specifici. Oggi infatti, in commercio si trovano diversi device elettronici che svolgono un’azione molto più completa ed efficace. Stiamo parlando dei regolabarba e dei rasoi elettrici, che sono due cose ben distinte.

Entrambi possono tornarvi utili nella cura della vostra barba, ma quello che potrebbe essere definito indispensabile è il regolabarba (in questo articolo abbiamo classificato i migliori).

Una barba corta genericamente non dovrebbe superare i 4 mm, anche se dipende molto dal proprio gusto personale. Ad ogni modo, grazie al regolabarba non dovrete fare altro che selezionare la lunghezza desiderata, ed iniziare a passarlo sulla peluria.

Questa fase è piuttosto delicata, in quanto dovrete assicurarvi di accorciare i peli in modo omogeneo su tutto il viso. Le zone in cui potete lasciarla leggermente più lunga sono quelle del mento, dei baffi e sui bordi della barba: in questo modo otterrete un effetto più deciso ed ordinato.

STEP 3 – La fase di rifinitura

Una volta completato il lavoro sulla totalità della barba, potrete iniziare a dedicarvi ai dettagli. Questi ultimi conferiranno un aspetto più ordinato a tutto il lavoro svolto. In questa fase potrete utilizzare un rifinitore di precisione elettrico, uno strumento molto comodo per queste evenienze. La sua funzione infatti, è quella di radere a zero i peli, ed è perfetto per rifinire i contorni.

Volendo, potrete ricorrere anche al rasoio classico, che però ha un inconveniente. Dovendo applicare la schiuma da barba, correrete il rischio di coprire la barba creata in precedenza. Per questo motivo, il mio consiglio ricade sicuramente su quello elettrico. Nella fase di rifinitura, rientra anche la zona del collo. Anche in questo caso, dovrete agire in base alle vostre preferenze.

Lo strumento utilizzato può essere il regolabarba o il rasoio elettrico, in base all’effetto che desiderate ottenere. Il modo migliore per muoversi è quello di mantenere la stessa lunghezza della barba sul viso, anche sul mento. Da qui, mentre scendete verso il pomo d’Adamo, accorciate leggermente la misura del vostro strumento. In questo modo otterrete un effetto sfumato, molto naturale alla vista.

Come curare la barba corta

curare la barba corta con i prodotti giusti

Dopo aver visto i vari passaggi per ottenere una barba corta perfetta, è importante dedicarsi alla cura di questa. Inoltre, anche la salute della pelle del viso è molto importante, e incide direttamente sulla ricrescita del pelo. Innanzitutto, è fondamentale esfoliare la cute con dei prodotti idonei a questo uso, in questo modo eviterete la comparsa di peli incarniti, che possono essere fastidiosi e dolorosi.

Qualora se ne presentasse qualcuno, è opportuno intervenire con la pinzetta, ed eliminarlo alla radice. Un altro fattore da non sottovalutare è la morbidezza dei peli; molte volte infatti, sono le compagne a pagare la durezza dei peli sul viso. Per evitare che ciò accada, non dovrete fare altro che ammorbidire la barba applicando regolarmente il miglior olio da barba. In questo modo, la peluria sul viso non sarà una limitazione per nessuno.